+39 011 3338611 info@gruppoaltea.online

Il prospetto informativo è una dichiarazione che i datori di lavoro devono predisporre ed inviare entro il 31 gennaio di ogni anno circa gli obblighi di assunzione di personale disabile e/o appartenente alle altre categorie protette, come previsto dalla Legge n. 68 del 12 marzo 1999. Il prospetto non deve essere necessariamente inviato ogni anno, ma solo qualora, rispetto all'ultimo invio, vi siano stati cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l'obbligo di legge oppure da incidere sul computo della cosiddetta quota di riserva.

Il 16 gennaio 2020 è stato il primo banco di prova delle nuove regole introdotte da quanto disposto dal D.L. n. 124 del 26 ottobre 2019, convertito definitivamente nella  Legge n. 157 del 19 dicembre 2019. La nuova normativa infatti, ha introdotto pesanti vincoli alla compensazione, restringendo ulteriormente rispetto al passato le modalità ammesse per la presentazione dei modelli di versamento con esposizione di crediti.

Cambiano le regole dal 18 giugno 2019

Con le nostre Informative, pubblicate in data 12 marzo e 2 aprile di quest’anno, avevamo richiamato l’attenzione sulle grandi novità che venivano introdotte nel nostro ordinamento dal D. Lgs. n. 14 del 12/01/2019: cioè, la riforma organica di tutte le norme relative alle procedure concorsuali.
In particolare, esaminavamo i nuovi obblighi di nomina dell’organo di controllo (collegio sindacale o revisore unico) molto più stringenti rispetto al passato per le S.r.l. e cooperative.
Il legislatore interviene ora modificando significativamente tale obbligo.

Risoluzione anticipata di un contratto a termine (Cassazione Civile – Ordinanza n. 15381 del 6/6/2019)

Contratto a termine per ragioni sostitutive.
Se il sostituito decede, il rapporto di lavoro a termine prosegue fino alla scadenza concordata, a meno che nel contratto di lavoro iniziale il decesso del sostituito sia previsto come causa di risoluzione.

NUOVE PROCEDURE PER LA RICHIESTA

Con Circolare n. 45 del 22 marzo 2019 l’INPS rivoluziona le procedure per la richiesta degli assegni per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti da aziende private.
Finora erano generalmente presentate dal lavoratore interessato al proprio datore di lavoro utilizzando il modello “ANF/DIP” (SR16). Dal 1° aprile 2019, devono essere inoltrate dal lavoratore esclusivamente all’INPS in via telematica.

Parte seconda: LE PROCEDURE DI ALLERTA DELLA CRISI.

Con la nostra precedente Informativa dell’8 marzo scorso abbiamo svolto alcuni primi approfondimenti sulle novità societarie, che la riforma della legge fallimentare di imminente entrata in vigore (16 marzo successivo) stava per introdurre: in particolare, l’estensione significativa dell’obbligo di nomina nelle S.r.l. e nelle cooperative dell’organo di controllo. Avevamo anche sottolineato che la riforma introduceva l’obbligo di prevedere procedure d’allerta della crisi fondate soprattutto su assetti aziendali organizzativi, contabili ed ammnistrativi, tali da consentire di prevenire lo stato di crisi. Con questo secondo approfondimento iniziamo ad esaminare in che cosa dovranno consistere le procedure interne di allerta.

Parte prima: LA NOMINA DELL’ORGANO DI CONTROLLO NELLE S.R.L. E COOP.

Il 16 marzo 2019 entra in vigore il Decreto Legislativo n. 14 del 12/01/2019 avente ad oggetto la riforma organica di tutte le norme che hanno regolato per anni le procedure concorsuali. Non sentiremo più evocare la parola “fallimento” (abolita dalla riforma), termine che ha sempre spaventato e inquietato; bensì invece impareremo a conoscere l’espressione “liquidazione giudiziale”, forse meno spiacevole, ma non meno foriera di conseguenze anche gravi.

Alleghiamo alla presente Informativa un documento riassuntivo delle principali agevolazioni nelle assunzioni fruibili nel corrente anno 2019, precisando che ad oggi non tutte sono operative e che comunque per essere attivate richiedono adempimenti a volte anche complessi.

L’approvazione del cosiddetto “Decreto semplificazioni” contiene pochi argomenti che interessano il mondo del lavoro, ma comunque positivi. A questi però, si accompagnano altre novità operative che aumentano ancora il peso della burocrazia, novità di cui non sentivamo il bisogno.

  • 1
  • 2

Copyright © 2018 GRUPPO ALTEA - Tutti i diritti riservati - Credits

Privacy Policy Cookie Policy