DECRETO COESIONE E LAVORO: PRIMA SINTESI

job-5382501_900.jpg

Con questo articolo sintetizziamo i provvedimenti legati al mondo del lavoro di cui si è molto trattato sui media in questi giorni. Alcuni sono già stati approvati, altri lo saranno a breve.

Il Governo ha approvato/sta per approvare:

  • un Decreto Legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione (DECRETO COESIONE);
  • un Decreto Legislativo per proseguire la riforma fiscale con riferimento al regime Irpef e Ires;
  • è infine in dirittura d’arrivo il decreto interministeriale (ECONOMIA e LAVORO) per l’attuazione della cosidetta “superdeduzione” del 120% relativa al costo per il personale.

Di seguito la sintesi delle principali novità. Approfondiremo i provvedimenti non appena, oltre alla pubblicazione dei testi definitivi dei decreti, saranno emanate le relative circolari.

BONUS ASSUNZIONI GIOVANI UNDER 35 AL PRIMO IMPIEGO

  • Sgravio contributivo mensile entro il limite di 500 euro per 24 mesi.
  • Rivolto ai giovani sotto i 35 anni che non devono avere mai avuto contratti a tempo indeterminato.
  • Valido per le assunzioni dal 1 settembre 2024 al 31 dicembre 2025.

DONNE SVANTAGGIATE (PRIVE DI IMPIEGO REGOLARE DA ALMENO 24 MESI)

  • Sgravio contributivo mensile entro il limite di 650 euro per 24 mesi.
  • Si applica alle donne prive d’impiego da almeno 24 mesi, senza limiti di età.
  • Valido per le assunzioni dal 1 settembre 2024 al 31 dicembre 2025.

Per tutti gli sgravi sopra citati il licenziamento del lavoratore neoassunto o di un lavoratore impiegato con la stessa qualifica nella medesima unità produttiva, se effettuato nei sei mesi successivi all’assunzione incentivata, comporta la revoca dell’esonero e il recupero del beneficio già fruito.

BONUS FINO A 100 EURO NEL 2025

E’ stato già soprannominato “bonus 100 euro” o anche “bonus befana”, in attesa della futura detassazione delle tredicesime.

Questi i primi elementi riscontrati:

  • sostegno fino di 100 euro per i lavoratori con famiglia monoreddito o monogenitoriali;
  • reddito entro i 28mila euro complessivi;
  • coniuge non separato a carico ed anche un figlio a carico oppure solo un figlio a carico se il nucleo è monogenitoriale;
  • Il lavoratore dovrà avere un’imposta lorda superiore alle detrazioni (lavoratore non incapiente);
  • l'importo varierà in base al reddito ed al periodo di lavoro nel corso del 2024;
  • il bonus sarà erogato attraverso i sostituti d'imposta nel mese di gennaio 2025. 

SUPERDEDUZIONE (E MAXIDEDUZIONE) PER LE NUOVE ASSUNZIONI

Si tratta di un provvedimento già deciso (di seguito riportiamo parte delle informazioni della nostra informativa dello scorso 12 gennaio 20224) con il d.lgs. n. 216/2023, ma che per diventare operativo necessita ancora di un decreto attuativo (in uscita a breve) e una circolare esplicativa dell’Agenzia delle Entrate per definire le modalità di calcolo.

Viene introdotta una super deduzione del 120% relativa al costo del personale assunto nel 2024, spettante ai titolari di reddito d'impresa e per gli esercenti arti e professioni.

L’obiettivo è quello di incentivare le imprese verso la promozione di nuove assunzioni in modo stabile (a tempo indeterminato). Si tratta di una deduzione fiscale, maggiorata, in contabilità dell’intero costo del lavoratore, del 120% (o 130% in caso di assunzione di categorie svantaggiate MAXIDEDUZIONE). Lo sgravio contributivo può essere applicato sulle assunzioni effettuate a partire da gennaio 2024.

La bozza del decreto interministeriale attuativo che abbiamo letto (come sempre attendiamo il testo definitivo) specifica che:

  • nel 2024 ci dovrà essere un incremento occupazionale;
  • rispetto alla media dei lavoratori del 2023 l’incremento dovrà essere presente già alla data del 1 gennaio 2024;
  • il bonus costituirà una variazione in diminuzione del reddito imponibile dei beneficiari;
  • l’incremento occupazionale dovrà essere presente anche al 31 dicembre 2024;
  • vanno considerati anche i part time (in misura proporzionale alle ore di lavoro);
  • il bonus è applicabile anche agli enti non commerciali in proporzione diversa da calcolare in base alla suddivisione dei ricavi commerciali e non.

MERCATO DEL LAVORO - IMPLEMENTAZIONE DEL SIISL

I percettori di NASPI sono iscritti d’ufficio alla piattaforma del Sistema Informativo per l’inclusione sociale e lavorativa (SIISL) e sono tenuti alla sottoscrizione del curriculum vitae.

Inoltre, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali dovrà individuare, entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, le modalità e le condizioni attraverso cui ai datori di lavoro è consentito pubblicare sul Sistema Informativo per l’inclusione sociale e lavorativa le posizioni vacanti all’interno dei loro organici.

 

Tags: GRUPPO ALTEA

Copyright © 2018 GRUPPO ALTEA - Tutti i diritti riservati - Credits

Privacy Policy Cookie Policy