IL GARANTE PRIVACY APPROVA LE NUOVE MODALITÀ DI VERIFICA DEL GREEN PASS

pexels-cottonbro-8465067_900x400.png

Approvate dal Garante le nuove modalità di verifica del Green Pass nei luoghi di lavoro.

 

In data 12 ottobre 2021 il Garante per la protezione dei dati personali ha approvato lo schema di DPCM che introduce nuove modalità di verifica del Green Pass in ambito lavorativo pubblico e privato.

Lo schema analizzato dal Garante privacy prevede che la verifica del possesso della certificazione verde Covid-19 (anche denominata Green Pass) possa avvenire anche attraverso modalità alternative all’App VerificaC19. Tali modalità alternative potranno essere:

Per quanto riguarda la verifica da effettuare mediante Piattaforma NoiPA, Portale INPS e Piattaforma nazionale-DGC questa permetterà di visualizzare unicamente informazioni riguardanti il possesso o meno di un Green Pass valido e tale controllo verrà effettuato solo per i lavoratori in servizio per cui è previsto l’accesso al luogo di lavoro.

L’Autorità Garante ricorda che l’attività di verifica non dovrà in alcun modo comportare la raccolta di altri dati, se non quelli strettamente necessari alla verifica ed eventualmente all’applicazione di azioni derivanti dal mancato possesso di una certificazione valido.

Per ultimo il Garante privacy fa presente che i dipendenti sottoposti alla verifica dovranno essere informati dal proprio datore di lavoro sul trattamento dei dati attraverso una specifica informativa, anche mediante una comunicazione resa alla generalità del personale.

Qui di seguito potrete trovare il link per visionare l’articolo completo e il parere del Garante privacy: https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9707561

Tags: GRUPPO ALTEA