DRONI IN SPIAGGIA E IN CITTÀ: GARANTE PRIVACY APRE TRE ISTRUTTORIE

pexels-jeshootscom-442587_900x400.png

L’utilizzo sempre più frequente di droni, anche da parte degli Enti pubblici, ha portato il Garante privacy ad aprire tre istruttorie nei confronti di questa nuova tecnologia.

 

Il Garante per la protezione dei dati personali pone l’attenzione su iniziative che coinvolgono l’uso di droni con relativa facilità e senza porre troppa attenzione sulla riservatezza delle persone fisiche.

La prima istruttoria è relativa all’accertamento sul corretto trattamento di dati effettuato mediante i droni in forza presso il Comune di Bari. L’Ente vorrebbe aggiungere, alla flotta già in uso dalla Polizia locale, altri due droni con il preciso compito di monitorare “eventuali assembramenti incompatibili con le limitazioni dovute alla gestione della pandemia da Covid”. Il Comune di Bari dovrà provvedere a fornire al Garante privacy le informazioni richieste entro 20 giorni.

La seconda istruttoria prevede una richiesta di informazioni simile alla precedente, ma questa volta la protagonista è Roma Capitale: sembrerebbe che dal prossimo autunno la Polizia locale di Roma  intenda intensificare il monitoraggio e il controllo del territorio cittadino attraverso l’utilizzo di 9 piccoli droni. Con tale istruttoria il Garante privacy intende valutare l’impatto privacy sui cittadini e il rispetto della normativa privacy.

La terza istruttoria, infine, è stata aperta nei confronti di Azienda USL Roma 3. La richiesta di informazioni è dovuta all’iniziativa, prevista per il 4 e 5 settembre sulle spiagge di Ostia ma rinviata per maltempo,  con la quale attraverso l’uso di droni si intenderebbe rilevare la temperatura corporea dei bagnanti presenti in spiaggia. Chiaramente i dubbi del Garante privacy riguardano soprattutto la delicatezza dei dati trattati e l’assenza, per il momento, di una base giuridica che legittimi tale trattamento. L’Azienda USL Roma 3 dovrà fornire informazioni specifiche entro 7 giorni all’Autorità Garante.

Link all’articolo completo sul sito del Garante privacy: https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9696781

 

 

Tags: GRUPPO ALTEA