+39 011 3338611 info@gruppoaltea.online

MANOVRA 2019: le (poche) novità per il mondo del lavoro

Come ormai abitudine, la legge di bilancio 2019 (G.U: n. 302 del 31/12/2018) racchiude ogni più diversa disposizione nel solo articolo 1, in ben 1143 commi frammisti tra loro. All’interno di questa confusione formale vanno ricercati i pochi interventi che riguardano il mondo del lavoro. Vediamoli in sintesi.

CONGEDO PADRI – Comma 278

Il congedo obbligatorio del padre da fruire entro il quinto mese dalla nascita del figlio, per l’anno 2019 è di cinque giorni (prima erano quattro).

SANZIONI PER LAVORO IRREGOLARE – Comma 445

Nel caso di impiego in nero di lavoratori la sanzione prevista aumenta del 20%; quindi, a decorrere dal 1 gennaio 2019 gli importi vanno:

  • da euro 1.800 a euro 10.800 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore sino a trenta giorni di effettivo lavoro;
  • da euro 3.600 a euro 21.600 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore da trentuno e sino a sessanta giorni di effettivo lavoro;
  • da euro 7.200 a euro 43.200 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore oltre sessanta giorni di effettivo lavoro.

Le sanzioni si riferiscono alle violazioni circa l’obbligo di preventiva comunicazione al Centro per l’Impiego, la somministrazione irregolare, la mancata comunicazione di distacco all’estero e le violazioni sull’orario di lavoro.
Inoltre, sono aumentati del 10% gli importi dovuti per la violazione delle disposizioni del TU sulla sicurezza del lavoro, sanzionate in via amministrativa o penale.
Le suddette maggiorazioni sono raddoppiate qualora, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti.

CONGEDO MATERNITA’ – Comma 485

Viene riconosciuta alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l’evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della  prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.

SMART WORKING – Comma 486

Il comma prevede che i datori di lavoro pubblici e privati che stipulano accordi per l’esecuzione della prestazione di lavoro in modalità agile sono tenuti in ogni caso a riconoscere priorità alle richieste di esecuzione del rapporto di lavoro in modalità agile formulate dalle lavoratrici nei tre anni successivi alla conclusione del periodo di congedo di maternità, ovvero dai lavoratori con figli in condizioni di disabilità.

INFORTUNI DOMESTICI – Comma 534

Ricordato che si tratta di un obbligo (chi lo ricorda?) e non di una facoltà, è previsto il raddoppio del premio annuo dovuto all’INAIL che passa da euro 12,91 ad euro 24,00. Si resta in attesa di un decreto ministeriale d’attuazione.
Non è superfluo ricordare che ai sensi della Legge n.493/1999, è obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico colui che:

  • ha un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti (67 da 2019);
  • svolge il lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa;
  • non è legato da vincoli di subordinazione;
  • presta lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo.

ASSUNZIONE LAUREATI (bonus giovani eccellenze) – Commi 706-717

È previsto uno sgravio totale annuale fino ad un massimo di 8.000,00 euro nel caso di assunzione a tempo indeterminato o trasformazione di contratti a tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato.
I giovani da assumere devono possedere i seguenti requisiti:

  • laurea magistrale, ottenuta nel periodo compreso tra il 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110, entro la durata legale del corso di studi e prima di aver compiuto 30 anni, in Università statali o non statali legalmente riconosciute;
  • dottorato di ricerca, ottenuto nel periodo compreso tra il 2018 e il 30 giugno 2019 e prima di aver compiuto 30 anni, in Università statali o non statali legalmente riconosciute

Lo sgravio non si applica ai rapporti di lavoro domestico e non è riconosciuto ai datori di lavoro privati che, nei dodici mesi precedenti all’assunzione, abbiano proceduto a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo ovvero a licenziamenti collettivi nell’unità produttiva per la quale intendono procedere all’assunzione del giovane.
Da tener presente che gli incentivi sono fruibili nel rispetto delle norme dell’Unione Europea in materia di aiuti «de minimis».

TARIFFE INAIL – Commi 1101-1125

La Legge di bilancio prevede la revisione delle tariffe dei premi che le aziende devono pagare per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
L'obiettivo è quello di ridurre del 30% il costo dei premi Inail per le imprese.
Per consentire il via libera alle nuove tariffe viene spostata al 16 maggio la scadenza dell'autoliquidazione 2018/2019.

Tags: GRUPPO ALTEA

Copyright © 2018 GRUPPO ALTEA - Tutti i diritti riservati - Credits

Privacy Policy Cookie Policy